Hour of Penance – Cast The First Stone (2017)

Seguo gli HoP dal fortunato The Vile Conception e mi sono sempre piaciuti, disco più disco meno, ma sicuramente sempre coerenti e concreti. Con questo sigillo a mio avviso siamo ad una svolta stilistica piuttosto imponente nel muro sonoro eretto dai romani. In questo disco a mio avviso le composizioni sono più lineari e meno terremotanti, più facili da assimilare e da canticchiare in macchina. Sì, perchè il bello del brutal death è proprio questo, canticchiare in macchina. Con questo non sto cercando di mandare in vacca il post, ma di dare una spiegazione a chi non capisce questa musica così estrema e brutale. Partiamo da un dato di fatto: questa è musica difficile da suonare. Provate voi a ripetere le partiture di uno strumento qualsiasi, voce inclusa, e poi ne parliamo. L’obiettivo dei nostri ragazzi è dunque quello di rendere accessibile la propria musica senza elucubrare troppo su quale scala impossibile utilizzare o quale pattern di batteria infilare dopo quattro minuti di mattanza sonora. Non stiamo parlando dei Meshuggah in questo caso, con tutte le differenze del caso. Stiamo parlando sempre e comunque di quattro ragazzi che si trovano in sala prove e pestano duro, ciascuno mette il proprio e poi si vede come va. Le precedenti due prove del combo romano non mi avevano convinto del tutto, ed anche questo disco a mio modesto avviso non emerge troppo in una scena dove gli americani la fanno un po’ da padroni. Vedi l’ultimo disco degli Immolation, pensiamo anche ai Gorguts (sono canadesi ma sticazzi), per non parlare delle ultime splendide prove dei Cannibal Corpse. Manca forse un pizzico in più di personalità, cosa che aveva reso grande The Vile Conception. Ribadisco, queste sono le mie impressioni e valgono ben poco. Io comunque sto dalla loro parte e li supporterò sempre, perchè gruppi così fanno bene alla scena. La musica è ben scritta ed egregiamente eseguita, la produzione è ottima ed intelleggibile, il Pieri si è ampiamente ambientato e questo è un bene per tutti. Che dire? Avanti così, manca davvero poco per la definitiva consacrazione.

Voto: 7,5

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s